Surgical Tribune Italy

SNO presente nel dibattito nazionale sulle vaccinazioni

By SNO
May 02, 2018

Dinanzi le tante informazioni che continuano ad imperversare sul tema delle vaccinazioni, la SNO – Società Neuroscienze Ospedaliere – ritiene opportuno esprimere i propri convincimenti soprattutto in considerazione che spesso anche il sistema nervoso è implicato in queste patologie.

L’impegno della SNO nella divulgazione di una corretta informazione in merito alle vaccinazioni si inserisce nell’attività societaria ad ampio raggio che vede i propri soci in prima linea in tutti gli Ospedali italiani. Il fine ultimo è promuovere ed incoraggiare le vaccinazioni su larga scala, al fine di combattere malattie pericolose come il morbillo che negli ultimi anni è ritornato a colpire le fasce più debole della popolazione.

La SNO vuole ricordare che il Morbillo è una malattia infettiva e contagiosa, che oggi vede in Italia un tasso di crescita preoccupante soprattutto tra i non vaccinati (l’89% secondo le stime dell’Istituto Superiore della Sanità).

Bisogna inoltre ricordare che le complicanze da Morbillo, sebbene considerate rare, possono provocare importanti danni all’organismo fino alla morte. A livello neurologico ci preme ricordare che tra le complicanze ci può essere l’encefalite, causata della persistenza del virus all’interno del tessuto cerebrale. Per tale motivo la SNO ha redatto un documento in cui ricorda quella che ad oggi è considerata la più temibile complicanza cerebrale, cioè la panencefalite sclerosante subacuta (PESS) derivata dall’encefalite. Secondo un recente studio dell’Università di Los Angeles, la PESS è di gran lunga più probabile di qualsiasi rischio di complicanze prodotte per le vaccinazioni.

Sul tema è intervenuta la dottoressa Maria Vittoria Calloni, Neurologa e consigliera all’interno del Consiglio Direttivo: “Secondo le stime dell’Istituto Superiore di Sanità, da gennaio a luglio 2017 si sono registrati in Italia 3501 casi di morbillo, in netto aumento rispetto agli anni precedenti. Mi preme inoltre ricordare che l’unico intervento sanitario efficace, in grado di ridurre significativamente l’incidenza della PESS, sia rappresentato dalla immunizzazione vaccinale”.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

© 2019 - All rights reserved - Surgical Tribune International